Dante e la Liguria
zoom
Dante e la Liguria

Dante e la Liguria
Manoscritti e immagini del Medioevo
a cura di Gianluca Ameri, Marco Berisso, Giustina Olgiati

La mostra espone per la prima volta tutti i manoscritti e i frammenti di codici danteschi conservati in Liguria, o realizzati per committenti liguri, o giunti in seguito, per le mille vie del collezionismo e del mercato librario. Essi testimoniano che nel Trecento e nel Quattrocento l’opera dell’Alighieri ebbe, in Liguria, una fortuna notevole: a Genova fu infatti realizzato, nel 1336, il codice ritenuto il più antico tra quelli datati del Poema (il ms. 190 della Biblioteca Comunale Passerini-Landi di Piacenza); mentre intorno al 1340 fu miniato da Francesco Traini lo splendido manoscritto con le Expositiones all’Inferno di Guido da Pisa, oggi al Musée Condé di Chantilly.

Opere così precoci, e di qualità così alta, da essere giustamente considerate fondamentali per la tradizione testuale e illustrativa della Commedia. Insieme a queste, manoscritti adorni di miniature o di eleganti iniziali “filigranate”, mai esposti prima, fanno scoprire la storia della diffusione delle opere di Dante in Liguria, dagli anni seguenti la sua morte – di cui ricorre il settimo centenario – fino al Quattrocento, grazie al collezionismo di dogi, colti umanisti e splendidi mecenati.

Accanto ai codici, una scelta di documenti del XIII e XIV secolo illustra le vicende dei personaggi liguri citati nella Commedia, da Branca Doria ai fratelli Vivaldi, da Corrado Malaspina a Ottobono e Alagia Fieschi.

La mostra ha ricevuto il patrocinio del Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Dante e la Liguria
ISBN:  978-88-6373-804-9
Pagine:  192 pagine riccamente illustrate
Formato:  16,8x24 cm
Anno:  2021
Note:  Catalogo della mostra 16 settembre/10 dicembre 2021 Complesso Monumentale di Sant’Ignazio Genova

Titolo  
Dante e la Liguria
€    30,00